BENVENUTI IN FERROVIEITALIANE.net diciannovesimosecolo@gmail.com

Nuovi argomenti delle sezioni
CONSULTATE I NUOVI INSERIMENTI SULLE SEZIONI -----> Sezione Trafori e Gallerie - La galleria dell'Appennino ******************* Sezione: Elettrotreni d'Italia ETR 300 ******************* Sezione Trazione Elettrica: Elettrificazione Sampierdarena-Alessandria

IL NUOVO ARCHIVIO DIGITALE DI     FONDAZIONE FERROVIE DELLO STATO

Grazie alla sensibilità e alla continua ed instancabile promozione storico e culturale voluta dal Direttore di Fondazione Ing. Cantamessa Luigi, è in rete il nuovo Archivio storico digitale di Fondazione FS.

Un patrimonio immenso di documenti, fotografie e filmati video che ripercorrono le varie epoche della storia ferroviaria italiana. Le diverse sezioni, alquanto ricche e facilmente navigabili permettono a chi consulta questo nuovo servizio culturale di poter godere di immagini e filmati inediti conservate, nei decenni scorsi, in quella che era la Fototeca FS e all'epoca difficilmente accessibile. Un plauso alla capacità dello staff di Fondazione e a chi ha permesso una divulgazione unica e libera della nostra storia industriale italiana.

La storia delle stazioni tra ottocento e novecento,  meravigliose e fiorite agorà ferroviarie che risorgono in questo corposo volume attraverso centinaia di foto, disegni e schemi.

Un viaggio in quell'epoca raffinata sui binari della storia. Un ricordo di quel mondo oramai scomparso frutto di ingegno, lavoro e passione di tecnici e ferrovieri.

Formato A4 pagine 300 Carta patinata - 150 g - Brossura

 

E' disponibile scrivendo all'Autore  diciannovesimosecolo@gmail.com 

Pochissime copie.

 

 

 

Riapre la Ferrovia Pedemontana            Sacile - Maniago

Oggi 10 Dicembre 2017, in una gelida giornata le rotaie della ferrovia Sacile- Maniago sono state percorse da un importante convoglio che ne ha sancito la promessa riapertura, ridando al territorio e al tessuto sociale della pedemontana friulana il treno. Alla presenza del governatore Serracchiani, della Giunta del FVG, di molti sindaci e dei tecnici e dirigenti FS e di Fondazione FS attorniati da un pubblico infreddolito, ma soddisfatto per le promesse mantenute il treno, partito in orario dalla stazione FS di Sacile è giunto a Maniago. Fermandosi alle varie stazioni di Budoia-Polcenigo, Aviano, Montereale Valcellna ed accolto da un tripudio di folla, bande e gonfaloni è giunto in orario alla bella stazione di Maniago, ripulita e rinfrescata per l'occasione con il ripristino funzionale del serbatoio dell'acqua e della colonna idraulica per il rifornimento del tender. Un abbraccio caloroso di un pubblico semplice che attendeva questo treno da molti anni è stato contornato da discorsi e promesse future per il rilancio anche turistico della linea ferroviaria. Un forte fischio ha echeggiato nella terra friulana dove questo treno e molti altri da domani inizieranno a percorrere la linea che sarà aperta successivamente fino a Gemona del Friuli. La cura del ferro continua e le ferrovie, talvolta abbandonate, talvolta chiuse tornano ad unire l'Italia.
Un doveroso plauso a Fondazione FS che ha saputo con fumo e nostalgia romantica di bielle e stantuffi dare il via al nuovo orario invernale di questa bellissima tratta.

 Questo sito nasce da una volontà di proporre al cultore e all'appassionato una serie di informazioni che riguradano il più bel periodo delle nostre Ferrovie e particolarmente quello che va dal 1839 al primo secolo di vita.

Attraversando l'Unità d'Italia, le Convenzioni del 1885, la statalizzazione, la Grande Guerra ed il ventennio fascista il visitatore potrà percorrere nella navigazione multimediale la storia, la tecnica ed il progresso delle meravigliose strade ferrate che hanno saputo contribuire allo sviluppo economico e sociale del nostro Paese.

Dopo l'avvento della macchina a vapore che ha contribuito a dar vita al nuovo trasporto su rotaia, non solo i pionieri delle strade di ferro, ma anche le nuove e vecchie classi politiche hanno cercato di sfruttare questa nuova possibilià che avrebbe dato ad ogni nazione uno spunto nella crescita e nello sviluppo industriale.

Dopo il primo tronco ferroviario, sorto in una delle più belle regioni italiane fra Napoli e Portici, le nostre ferrovie presero il via verso territori e paesi vicini e lontani e contribuirono nel risorgimento italiano all'Unità Nazionale.

Dopo le convezioni del 1885 che affidavano alle tre Reti la suddivisione della giovane Italia , si capì che in un'ottica nazionale le strade ferrate dovevano essere unificate, e, nel 1905 la nuova Amministrazione delle Ferrovie dello Stato divenne il gestore dell'intera rete italiana.

Passato il  conflitto mondiale che mise a dura prova le nostre Ferrovie, che contribuirono con uomini e mezzi alla vittoria, il primo secolo di vita si concluse agli albori della seconda guerra mondiale avendo raggiunto il massimo di espansione della rete, delle prestazioni tecniche e delle capacità produttive su linee locali e internazionali con diversi mezzi di trazione a corrente elettrica che lentamente sostitui il vapore.

L'appassionato e lo storico di ferrovie potrà collaborare con questo sito implementandolo e aggiungendo documentazione e notizie tecniche che l'autore cercherà di inserire per ampliare questo affascinante argomento.

Si ringrazia chiunque saprà apprezzare e migliorare questa raccolta di documenti   che, assieme ad altri siti, sempre molto importanti e curati, potranno contribuire alla diffusione della cultura ferroviaria in onore del compianto Piero Muscolino, caro amico e magnifica persona che ha dato nella sua vita passata onore e cultura alle nostre Ferrovie.

 

Rossi Cristian  Crespano del Grappa VENETO 

 

Eventuale richieste di invio materiale dovranno essere indirizzate a mezzo mail. Se il materiale è disponibile l'Autore invierà entro 10 gg. una risposta in merito con eventuali dettagli.  Non si possiedono dati relativi a persone decedute appartenenti all'Amministrazione FS. Si detiene in Archivio personale Albo d'Oro dei Ferrovieri caduti per la Patria nella Guerra 1915-1918. 

 

               

Sen. Ing. Riccardo Bianchi  Primo Direttore Ferrovie Italiane

     

La prima donna ferroviere: La guardiabarriere, umile impiegata della neonata azienda ferroviaria italiana.

La Casellante 1906
La Casellante 1906

I contenuti di questo sito sono raccolti dall'autore dalla rete, da testi specializzati, libri d'epoca, riviste professionali e di argomentazione storica. Alcuni capitoli, immagini o link sono collegamenti con altre pagine pubblicate in rete.  Disponibile per ogni informazione o scambio di materiale.